venerdì 20 agosto 2010

Splashhh...

Il mare d'agosto

15 commenti:

  1. verissimo!!!
    dopo una giornata di duro lavoro un tuffo nell'emozioni è proprio quello che mi ci voleva, grazie per il suggerimento! sai cosa penso, che non esiste arte migliore di una passione condivisa e le tue foto lo sono....grazie.

    RispondiElimina
  2. Non esiste la fotografia artistica. Nella fotografia esistono, come in tutte le cose, delle persone che sanno vedere e altre che non sanno nemmeno guardare. (Nadar) Non penso proprio d'avere il sacro fuoco dell'arte, penso semplicemente di aver riscoperto il piacere di fermarmi,o meglio soffermarmi, a "vedere" ciò che ci circonda... ho riscoperto che una pera ammuffita, prima di finire nella spazzatura, può diventare una foto e in quella foto ognuno di noi, se si sofferma a guardar oltre il biologico divenire di un frutto marcio, può vederci ciò che vuole...

    ps la pera non l'ho più buttata è entrata ufficialmente a far parte del mio parterre di cianfrusaglie!!!

    RispondiElimina
  3. Arte:attività umana volta a creare opere a cui si riconosce un valore estetico, per mezzo di forme,colori,parole e suoni.capacità, abilità.
    io non sono un critico d'arte,sono semplicemente una persona che ama guardare tutto ci la circonda e sono felice di perdermi nelle immagini...nn so se è arte o no so solo che emoziona tutto qui...
    ps attento alla muffa è un parassita.cmq è bello sapere che al mondo c'è qualcunaltro che ha una scatola dei ricordi...io ormai ho un baule!

    RispondiElimina
  4. Trovo sia bellissimo frugare dentro il baule infilarci la testa dentro e ritrovarci cose che non si pensava neanche di avere "posseduto"... :-)

    RispondiElimina
  5. Verissimo....mi è venuta una voglia matta di aprirla...il filtro bruciacchiato della mia prima sigaretta...delle lettere...il mio primo pacco di philip morris...il tappo dello champagne dei miei 18 anni...un vecchio fazzoletto su cui ho versato litri di lacrime...una scatola di baci perugina...basta troppe emozioni!!!

    RispondiElimina
  6. ... il quaderno della prima elementare, il biglietto del primo concerto, una rosa secca, una pera ammuffita, un vecchio orologio, un post-it con un numero di telefono sconosciuto, una foto sbiadita....le mostrine da caporale del servizio militare, un sasso, una penna consumata, un rullino mai sviluppato, la cravatta di mio nonno, un vecchio gioco di legno di mio padre... hai ragione quante emozioni!

    ps fa piacere aver trovato una "rattiddara" come me!!!!

    ps2 In barrese dicesi rattiddaru, colui il quale raccoglie e conserva qualsiasi tipo di oggetto dall' apparente inutilità!

    RispondiElimina
  7. Mi sa che sono una "rattiddara" cronica! Anch'io ho una rosa secca,la mia è gialla...e poi c' è anche un pò di muffa, quella di un confetto segnaposto, mi ricorda la laurea della mia miglire amica, quindi non si butta!Ogni tanto ci provo a disfarmi di qualcosa, ma poi niente, torno indietro e la riprendo!

    RispondiElimina
  8. che dici facciamo un blog del club dei rattiddari allora...

    ps se superi questa il presidente del club lo fai tu... dente da latte con annesso 500 lire portato dal topo!

    RispondiElimina
  9. Nooooooooooooo! non ci credo!!! Rispondo alla sfida con un pezzo di 5000 e uno da 1000 lire! Anzi no facciamo la mia treccia! questa tu non puoi averla! i miei dentini li conserva mia madre non me li vuole dare!

    RispondiElimina
  10. http://www.flickr.com/photos/nikonletti/5381136467/in/set-72157624797882160/

    Vai al link che ti ho riportato sopra:
    ...mie "rattedde" del vecchio conio!!!
    ;-)

    CMQ grazie alla treccia sei di diritto presidente del club dei rattiddari!!!!

    RispondiElimina
  11. ps non ho la treccia ma una ciocca di capelli del mio periodo da capellone ce l'ho.

    RispondiElimina
  12. La "rattiddara"24 gennaio 2011 00:34

    Meno male che avevo la treccia! sulle lire mi hai battuto di brutto!
    ps complimenti x la vittoria in campo...publicare una foto del pallone è stato di buon auspicio!!!
    ps2 da ora in poi mi firmerò la "rattiddara" presidente mi sembra troppo formale!!!! ;-)

    RispondiElimina
  13. Presidente.... senza tuoi commenti il blog mi perde visitatori!!!!!!

    domani sono a ct per la presentazione di un progetto finanziato dall'fse sugli antichi mestieri... cose da rattiddari va... io seguo il progetto sull'intaglio del legno. avrò modo di farti veder qualche scatto di vecchie rattedde da falegname...

    RispondiElimina
  14. La "rattiddara"26 gennaio 2011 23:38

    Adoro il legno e il suo profumo mi riporta lontano con la mente trai ricordi di mio nonno, a quando ero piccola...nn so bene perchè! sarò felice di ammirare le tue foto: catania, legno e profumo di mare...!

    RispondiElimina
  15. l'odore del legno appena tagliato... mi ricorda quando da ragazzino andavo con mio padre a tagliare la legna in campagna... la legna mi porta a ricordare la stufa a legna che avevamo in cucina, l'odore delle bucce d'arancia buttate nel fuoco, delle olive nere sotto sale cotte sulla rovente piastra ad anelli, le bambole di mia sorelle condannate al rogo per fargli dispetto... mi quante cose mi fa ricordare l'odore del legno...

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un segno del vostro passaggio.